Access

You are not currently logged in.

Access your personal account or get JSTOR access through your library or other institution:

login

Log in to your personal account or through your institution.

If You Use a Screen Reader

This content is available through Read Online (Free) program, which relies on page scans. Since scans are not currently available to screen readers, please contact JSTOR User Support for access. We'll provide a PDF copy for your screen reader.

Variazioni dei rapporti tra le percentuali di schiusura delle gemme a legno ed a fiore nel pesco, in funzione delle condizioni sperimentali di raffreddamento nel corso della dormienza

R. GUERRIERO, S.E.P. INDIOGINE and G. SCALABRELLI
Rivista di ortoflorofrutticoltura italiana
Vol. 70, No. 6 (NOVEMBRE - DICEMBRE 1986), pp. 247-256
Stable URL: http://www.jstor.org/stable/42877787
Page Count: 10
  • Read Online (Free)
  • Subscribe ($19.50)
  • Cite this Item
Since scans are not currently available to screen readers, please contact JSTOR User Support for access. We'll provide a PDF copy for your screen reader.
Variazioni dei rapporti tra le percentuali di schiusura delle gemme a legno ed a fiore nel pesco, in funzione delle condizioni sperimentali di raffreddamento nel corso della dormienza
Preview not available

Abstract

La prova è stata condotta nell'arco di 2 anni su piante della nettarina «Maygrand» innestate su P.S.A. 6 ed allevate in contenitore. Alla caduta delle foglie, un gruppo di piante è stato posto in cella frigorifera, al buio, a 5°C, mentre un secondo gruppo è rimasto all'esterno. Ad intervalli determinati (circa 7-10 giorni) sono state forzate a 20°C piante provenienti dall'esterno e dalla cella fredda. Dai risultati ottenuti si può mettere in evidenza come l'uscita di dormienza nei vari tipi di gemma (a legno e a fiore) sia fortemente influenzata dal tipo di freddo ricevuto dalle piante (condizioni naturali; 5 ° C costanti, al buio). In particolare la forzatura delle piante provenienti dall'esterno mette in risalto una differente sequenza di risposta5 dei due tipi di gemma, a testimonianza di esigenze termiche diverse. Le gemme a legno, infatti, hanno un più basso fabbisogno in freddo e una maggiore sensibilità alle variazioni di temperatura. La forzatura delle piante, precedentemente vernalizzate a basse temperature costanti, rende più omogena la risposta dei vari tipi di gemme, favorendo quindi quella delle gemme a fiore. In definitiva questi risultati non concordano con i presupposti del metodo delle Chill Units. The trials were carried out over 2 years on «Maygrand» nectarine plants grafted on P. S. A6 and grown in containers. At leaf fall, a group of plants was transferred to a cool chamber at 5°C and in darkness, and a second group remained outside. At given intervals (7-10 days) plants from both groups were forced at 20°C. The mean time and percentage of leaf and flower bud opening were calculated on the basis of phenological parameters measured every 3-4 days. The results show that release from dormancy in the various types of bud (leaf and flower) is strongly influenced by the type of chilling (natural conditions or constant 5°C in darkness). The forcing of the plants coming from natural conditions produced a different sequence of responses from the two types of bud, demonstrating their different thermic requirements. Leaf buds have a lower chilling requirement and are mòre sensitive to temperature variations. The forcing of the plants previously chilled at a constant low temperature give more homogeneous responses from the various types of bud, thus favouring the flower buds. Our results do not agree with assumptions made in the Chill Units model.

Page Thumbnails

  • Thumbnail: Page 
247
    247
  • Thumbnail: Page 
248
    248
  • Thumbnail: Page 
249
    249
  • Thumbnail: Page 
250
    250
  • Thumbnail: Page 
251
    251
  • Thumbnail: Page 
252
    252
  • Thumbnail: Page 
253
    253
  • Thumbnail: Page 
254
    254
  • Thumbnail: Page 
255
    255
  • Thumbnail: Page 
256
    256