Access

You are not currently logged in.

Access your personal account or get JSTOR access through your library or other institution:

login

Log in to your personal account or through your institution.

If You Use a Screen Reader

This content is available through Read Online (Free) program, which relies on page scans. Since scans are not currently available to screen readers, please contact JSTOR User Support for access. We'll provide a PDF copy for your screen reader.

The Suardi Chapel. A Document of Lotto's Work with Raphael

M. Barry Katz
Arte Lombarda
Nuova Serie, No. 50 (1978), pp. 82-86
Stable URL: http://www.jstor.org/stable/43105162
Page Count: 5
  • Read Online (Free)
  • Subscribe ($19.50)
  • Cite this Item
Since scans are not currently available to screen readers, please contact JSTOR User Support for access. We'll provide a PDF copy for your screen reader.
The Suardi Chapel. A Document of Lotto's Work with Raphael
Preview not available

Abstract

Lo studio analizza i dipinti di Lorenzo Lotto nella cappella Suardi di Trescore (1524), nell'intento di arrivare ad una esatta valutazione della natura delle derivazioni raffaellesche presenti nel Lotto. Sapendo che il Lotto lavorò nella bottega di Raffaello e si impegnò nella decorazione delle Stanze già dal 1509, ed ipotizzando sulla base di dipinti e di documenti che vi rimanesse fino al 1514, l'A. esamina particolari della cappella Suardi che rivelano affinità con le pitture delle Stanze della Segnatura e di Eliodoro. L'A. inizia la sua analisi dal dipinto principale, il Martirio di S. Barbara, e dimostra che lo schema compositivo e l'idea pittorica generale della scena raffigurante Cristo che visita la Santa incarcerata sono in stretta relazione con la Liberazione di S. Pietro di Raffaello; che la figura di Dioscuro che caccia S. Barbara deriva da quella di un inseguitore nella Cacciata di Eliodoro; che la apparizione iniziale di S. Barbara alla estrema sinistra dell'affresco del Martirio è quasi identica ad una figura della Messa di Bolsena; ed infine che la figura del Cristo-Vite è strettamente derivata dal Cristo in trono della Disputa. Con analoghi intenti vengono esaminate la Vestizione di S. Chiara e l'Esecuzione di S. Caterina del Lotto, dalla cui analisi emergono rimandi a schemi compositivi e raggruppamenti di figure delle prime Stanze. L'A. conclude che il Lotto probabilmente collaborò ai primi affreschi delle Stanze, o quanto meno li conobbe da vicino: cosí che al suo ritorno nell'Italia settentrionale, nelle opere del periodo bergamasco, l'esperienza di Raffaello appare bene sintetizzata nella nuova maturità del Lotto.

Page Thumbnails

  • Thumbnail: Page 
82
    82
  • Thumbnail: Page 
83
    83
  • Thumbnail: Page 
84
    84
  • Thumbnail: Page 
85
    85
  • Thumbnail: Page 
86
    86