Access

You are not currently logged in.

Access your personal account or get JSTOR access through your library or other institution:

login

Log in to your personal account or through your institution.

If You Use a Screen Reader

This content is available through Read Online (Free) program, which relies on page scans. Since scans are not currently available to screen readers, please contact JSTOR User Support for access. We'll provide a PDF copy for your screen reader.

A New Document Relating to Stefano da Verona: Tarsia's Testament of 1458

Evelyn Karet
Arte Lombarda
Nuova serie, No. 137 (1) (2003), pp. 59-61
Stable URL: http://www.jstor.org/stable/43132518
Page Count: 3
  • Read Online (Free)
  • Subscribe ($19.50)
  • Cite this Item
Since scans are not currently available to screen readers, please contact JSTOR User Support for access. We'll provide a PDF copy for your screen reader.
A New Document Relating to Stefano da Verona: Tarsia's Testament of 1458
Preview not available

Abstract

Lo stato coniugale di Stefano da Verona costituisce una questione controversa per la presenza nei documenti di due donne indicate come mogli del pittore: Tarsia da Verona e Alba da Padova. Una consistente serie di atti notarili attesta che egli sposò Tarsia, figlia di Antoniazzo da Verona, a Treviso nel 1399 e che egli viveva con lei e con le loro due figlie a Verona nel 1425. Stefano doveva avere allora cinquant'anni e Tarsia trentacinque. Il pittore e la sua famiglia vivevano ancora in quella città nel 1433. Tuttavia, nel 1406, mentre abitava a Padova, egli ricevette una dote da una vedova di nome Alba. Un nuovo documento recentemente scoperto aiuta a chiarire questo equivoco e a stabilire, seppur con una certa approssimazione, la data di morte di Stefano (nato nel 1375), per la quale non esiste nessuna testimonianza certa. Alcuni studiosi, infatti, sono propensi a collocarla a ridosso del 1438, data dell'ultimo documento conosciuto che si riferisce a lui e anno in cui firmò l'Adorazione dei Magi della Pinacoteca di Brera. Altri, invece, spingono la data di morte di Stefano nella metà del Quattrocento attribuendo all'artista un gruppo di disegni dai caratteri ormai rinascimentali, raffiguranti Caino e Abele e Sansone che combatte contro il leone, ora nelle collezioni di vari musei europei. Il documento qui presentato (Archivio di Stato di Verona, Antico Ufficio del Registro, Testamenti, mazzo 50, n. 59) è datato 6 luglio 1458 in Verona ed è il testamento di Tarsia, in quel momento moglie di Lorenzo "de Albuino". Esso conferma che in un precedente matrimonio Tarsia fu sposata al maestro Stefano, pittore in Verona, avvalorando così l'ipotesi che si tratti della stessa Tarsia, figlia di Antoniazzo, ancora vivente in Verona nel 1458. A quel tempo la donna aveva circa 68 anni ed era sposata al suo secondo marito, designato da lei come suo erede. Poiché è improbabile che una vedova del Quattrocento si fosse sposata dopo i 50 anni di età, si può supporre che l'artista morì sicuramente dopo il 1438, anno dell'Adorazione dei Magi, ma molto prima del 1450, probabilmente intorno agli inizi del 1440. È possibile, pertanto, che il matrimonio con Alba non abbia mai avuto luogo, e che il documento del 1406 sia in realtà un artificio giudiziario, utilizzato dall'artista per favorire la propria carriera; nel 1407, infatti, egli risulta cittadino di Padova e nel 1412 è nominato gastaldo della corporazione dei pittori della città. Per quanto riguarda i disegni, la probabilità che essi siano stati eseguiti da Stefano è trascurabile. Essi esibiscono un ductus che è estraneo al suo stile. Anche se egli fosse vissuto dopo il 1438 e la sua maniera avesse avuto modo di evolversi, i disegni avrebbero dovuto mantenere alcuni aspetti degli ultimi dipinti. Le immagini, invece, sono prive della bellezza idealizzata, della grazia e della fluidità, della linea elegante che si riscontrano nelle pitture conosciute di Stefano e nei disegni di sicura attribuzione.

Page Thumbnails

  • Thumbnail: Page 
59
    59
  • Thumbnail: Page 
60
    60
  • Thumbnail: Page 
61
    61